Tutto quello che devi sapere sui Finanziamenti in Equity

PMI e Startup sono alla costante ricerca di capitali per accrescere la propria attività e il loro business. Sostanzialmente si identificano tre fonti di capitali: finanziamenti bancari, finanza agevolata e finanziamenti in equity, su cui faremo un focus per capire le diverse tipologie con i relativi vantaggi e svantaggi. Prima, però, vediamo quali sono i passaggi per deliberare un aumento di capitale:

  • la società decide quanto capitale richiedere, a chi rivolgersi e a che condizioni, se creare diverse categorie di quote/azioni etc.;
  • poi si passa all’Assemblea Straordinaria dove i soci o l’organo amministrativo dichiarano davanti al Notaio quanto aumentare di capitale nominale e quanto di sovrapprezzo quote/azioni;
  • per la raccolta di capitali sono previsti incontri one-to-one con gli investitori, eventi specifici di incontro tra società ed investitori, portali online di raccolta di capitali, che analizzeremo a breve;
  • chiusura dell’Aumento di Capitale con il versamento dei soldi sul conto corrente societario, sottoscrizione delle quote/azioni, chiusura dell’aumento di capitale.

Cominciamo ad identificare la prima macro-area dei Finanziamenti in Equity che comprende i Soci di Maggioranza e Family&Friends. In genere sono apporti di capitale in una fase primordiale della società e al contempo rischiosa, gli importi sono limitati e vi è uno scarso apporto di know how, aspetto positivo è il buon mantenimento dell’autonomia societaria, quasi totalitario.

Passiamo ora al Private Equity in cui vi troviamo i Business Angel e i Venture Capital, queste tre forme si dividono in base ‘all’età’ della azienda di riferimento. I Business Angel operano nella fase iniziale, aumentando il know how e la grandezza della compagine sociale, essendo un investimento nelle prime fasi dell’impresa gli importi sono limitati, ma allo stesso tempo comincia a pesare una riduzione dell’autonomia decisionale. I Venture Capital si distinguono al loro interno in Early Stage e Later Stage, sono fondi altamente speculativi e il loro obiettivo è un importante capital gain. In questa tipologia ritroviamo gli stessi elementi caratterizzanti validi per i Business Angel con l’aggiunta di un aumento di possibili nuovi investitori e opportunità di exit. La forma più complessa e strutturata è il Private & Corporate Equity, investimenti di fondi finanziari e/o industriali. Tra gli obiettivi abbiamo il capital gain, dividendi, partnership industriali e M&A. Rimarca gli stessi vantaggi e svantaggi del Venture Capital, però questo tipo di finanziamento è difficile da attuare per Startup e PMI di ridotte dimensioni.

Avendo già analizzato nello specifico il Crowdfunding nel nostro blog, ora vediamo in che modo un’impresa può finanziarsi tramite un Club Deal. Innanzitutto cos’è? È una cordata di investitori gestita da una Banca Private promotrice dell’iniziativa ed è un valido strumento sia in fase di Startup che in fase di crescita. Gli importi di investimento sono medio-grandi e un vantaggio di rilievo per l’impresa è la poca interferenza nelle decisioni aziendali. D’altro canto lo svantaggio è la difficoltà nel trovare progetti altamente innovativi.

Ultima fonte di finanziamento può essere la quotazione su mercato AIM (Alternative Investment Market) Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese italiane che vogliono investire nella loro crescita, dove inoltre è possibile prevedere l’exit della compagine sociale precedente la quotazione. Tra i vantaggi ritroviamo l’ingresso in società del vero mondo finanziario, creazione di un mercato secondario e una maggiore liquidità della partecipazione azionaria. Ovviamente questa operazione è solo per società già avviate, sarà necessaria sostenere costi di quotazione e infine sarà importante riduzione dell’autonomia societaria.

In sintesi l’apertura del capitale di un’impresa ad un socio istituzionale determina, generalmente, una serie di cambiamenti importanti. Per raggiungere il suo obiettivo l’investitore eserciterà un’azione che aumenterà la trasparenza e la qualità nella comunicazione dell’impresa, rendendola  più redditizia e aumentando gli introiti della società.

 

Hai ancora dubbi? Contattaci!

Blue Ocean Finance Logo
Largo della Fontanella di Borghese, 19 - 00186 Roma
P.IVA 14762361005
Cap. Sociale € 50.000