Venture Capital 2 miliardi al Fondo Nazionale Innovazione

Lunedì 25 Ottobre è stato approvato dalla Camera un emendamento che assegna al Fondo Nazionale Innovazione una quota dei 40 miliardi gestiti da CDP per la ricapitalizzazione delle grandi imprese.

L’emendamento prevede che 2 miliardi vengano assegnati entro il 31 dicembre 2021 al ministero dello Sviluppo economico. A sua volta il ministero potrà utilizzare la somma per sottoscrivere, «fino a un ammontare di 2 miliardi», quote o azioni di fondi per il venture capital e per il venture debt istituiti da Cassa depositi e prestiti Venture Capital Sgr.

Il Fondo Nazionale Innovazione, creato nel 2019, è uno strumento per supportare micro, piccole e medie imprese innovative nell’accesso a risorse finanziarie per l’innovazione. Nasce dalla cessione del 70% di Invitalia ventures spa a Cassa Depositi e Prestiti, attraverso la sua holding CDP Equity., e che aveva già una dotazione di 1,3 miliardi di euro, oggi aggiunge risorse per 2 miliardi di euro.

Si gira insomma alla causa del venture capital una parte delle risorse del Patrimonio destinato, il fondo da circa 40 miliardi istituito dal decreto rilancio del 2020, gestito da Cassa depositi e prestiti, che dovrebbe ricapitalizzare aziende con fatturato sopra i 50 milioni ma la cui attivazione è stata finora un processo lungo e abbastanza tortuoso.

Una misura di questo tipo, se ben implementata, mobiliterebbe nei prossimi 10-15 anni, almeno un’altra decina di miliardi di investimenti privati in startup e società high-tech Italiane. Un grande passo in avanti per tutto il settore dell’innovazione.